La guerra civile:i manto della tempesta

20160701_005449

Ci troviamo a parlare di una delle storie più importanti di Skyrim,la guerra civile fra l’Impero e i manto della tempesta,una fazione di ribelli che si battono per l’indipendenza della loro terra dal resto dell’impero.

Guidati dall’ex veterano della legione imperiale nonché Jarl di Windhelm Ulfric,i manto della tempesta voglio l’indipendenza di Skyrim dall’impero. Perché questo scopo?

A seguito della guerra contro i Thalmor l’impero si trovò costretto a firmare un trattato di pace,il Concordato oro bianco,che fra le diverse clausole prevedeva l’abolizione del culto di Talos,uno dei nove dei principali.Questo,e la visione di un impero ormai ridotto ad una marionetta dei Thalmor contribuì a fomentare la rivolta.

Ma cerchiamo di capire chi sia il capo della rivolta,lo Jarl Ulfric manto della tempesta.Precedentemente un veterano della legione, prima della guerra studiò a lungo la Via della voce insieme ai Barbagrigia. Venne catturato durante la guerra contro i Thalmor ed in seguito riuscì a fuggire.Alla morte di suo padre,il precedente Jarl di Windhelm,ne prese il posto.Per dimostrare la sua supremazia agli altri re dei feudi di Skyrim decise di affrontare in duello il re dei re come usanza delle antiche tradizioni nordiche,uccidendolo facendo un uso improprio della Voce.Venne accusato di omicidio e catturato per essere giustiziato nella città di Helgen,ma l’improvvivo attacco di un drago gli diede la possibilità di scappare e tornare al comando della rivolta.

Quali sono le ragioni dei manto della tempesta? Certo,sono contro l’abolzione del culto di Talos e accusano l’impero di piagarsi alla volontà dei Thalomor…ma chi dice che all’impero vadano giù le condizioni del Concordato,accettate magari in un momento di profonda crisi?

Ma la figura stessa di Ulfric è molto ambigua.

Accusato più volte di essere arrogante e di essere semplicemente avido di potere nasconde alcuni segreti. Nell’ambasciata Thalmor si possono trovare dei documenti su questa persona.Durante la sua prigionia i Thalmor trovarono interessanti le sue posizioni.Una ribellione come la sua avrebbe portato instabilità a Skyrim danneggiando l’impero e favorendo l’avanzata al potere dei Thalmor.

Il rivoluzionario ha ricevuto anche accuse di razzismo che però sono abbastanza ambigue.Viene detto essere razzista verso altre razze diverse da quella nordica,che eppure nella sua città possono vivere.

A prescindere dalle sue posizioni la domanda è:può Skyrim sopavvivere senza l’impero in un momento così complesso? Ulfric ha le forze per difendere Skyrim da un probabile attacco dei Thalmor? Anche l’impero non sembra apprezzare quei tiranni, anche se i manto non vogliono vederlo…

Il capo della rivolta,Ulfric,sul suo trono a Windhelm.
Il capo della rivolta,Ulfric,sul suo trono a Windhelm.
Precedente Paarthurnax,il drago che si rivolse all'umanità Successivo